Una donna di 54 anni è diventata mamma per la prima volta dopo 11 tentativi falliti: una bella storia

POSITIVO

Magdalena Upton di Sydney ha pensato per la prima volta di avere un figlio all’età di 39 anni. Ha superato vari test e ha monitorato il suo tasso di fertilità. Non aveva un compagno di vita permanente. Ha incontrato tutti, sperando di incontrare qualcuno che potesse mettere su famiglia. Alla fine, Magdalena decise di avere un figlio attraverso l’inseminazione artificiale. Le donne hanno visitato molti centri per l’infertilità e hanno pagato molti soldi senza ottenere il risultato desiderato.

In una clinica le è stato consigliato di iniziare una cura per superare la possibilità di non poter dare alla luce un bambino. Nei 10 anni trascorsi dall’inizio del trattamento, Magdalena ha effettuato 2,5 cicli di fecondazione in vitro, il terzo dei quali è stato annullato a causa della stimolazione ovarica. La paziente aveva già avuto 2 gravidanze e una di queste si è conclusa all’ottava settimana.

La donna si è poi sottoposta ad altre 13 procedure di inseminazione, ma anche questa volta senza successo. Magdalena era disperata e stava per rinunciare a tutto. Aveva pensato di adottare un bambino, ma ha dovuto aspettare almeno 7 anni perché le donne single sono sempre in fondo alla lista. Nel 2017, Magdalena si è rivolta a Cape Town per ricevere 2 embrioni da donatori. Dopo aver lasciato quasi 11.000 sterline in clinica, questa era la mia ultima possibilità di diventare madre. Quando Magdalena ritornò in Australia era molto preoccupata e non sapeva esattamente come avrebbe funzionato il processo. Ma si è sentita sollevata quando la sua prima ecografia ha mostrato che era incinta di due gemelli sani.

Nel 2018, all’età di 54 anni, Magdalena ha dato alla luce due bambine. Come stilista freelance, lavora in modo indipendente e dedica molto tempo alla sua bambina. Secondo lei essere una madre anziana ha un vantaggio. La nostra eroina trascorre il suo tempo libero solo per una ragazza: attività comuni, giochi, passeggiate, visite al parco.

Rate article